Sistemi di pompaggio e trattamento acque di sentina

L’impianto e’ costituito da un sistema di trattamento acque di sentina ed acque nere costituito da un disoleatore a pacchi lamellari e una filtrazione su carboni attivi per le acque di sentina e di una disinfezione mediante clorazione per le acque nere. L'estrazione delle acque di sentina è effettuata mediante una pompa da vuoto.
La medesima pompa, oltre ad estrarre l'acqua di sentina, alimenta l'impianto. Analoga configurazione vale per le acque nere anch'esse estratte mediante una pompa da vuoto e pompate allo scarico tramite la medesima pompa.

La pompa di estrazione delle acque di sentina, trasferisce il refluo ad una vasca di decantazione nella quale le acque rimangono per un certo tempo. Al termine del processo di decantazione viene avviata la pompa di travaso che trasferisce il refluo alla disoleazione. In questa sezione l’olio che si accumula in superficie sfiora mediante uno skimmer regolabile in una vasca di raccolta olio da cui dovrà essere periodicamente estratto. Dopo il processo di disoleazione, il refluo viene raccolto in un comparto dal quale è estratto con una pompa dedicata. La pompa di estrazione invia l'acqua ad un filtro a carbone attivo al fine di trattenere tensioattivi, composti organici ed altre impurità prima dello scarico.

La pompa di estrazione delle acque nere non trasferisce l'acqua ad alcun trattamento specifico. Sulla mandata della pompa è prevista l'iniezione di ipoclorito di sodio al fine di eliminare la carica batterica prima dello scarico. Viene fornita anche una pompa per la raccolta ed il trasferimento olii esausti. Questi, una volta aspirati, vengono convogliati nello stesso comparto di accumulo degli olii esausti da cui dovranno essere periodicamente estratti